rosamilia

About Paolo Rosamilia

Si laurea in psicologia "diagnosi e riabilitazione dei disturbi cognitivi" presso l'università La Sapienza di Roma. Lavora attualmente presso l'associazione Handling di Pontedera dove svolge il ruolo di segretario e docente nei vari corsi di formazione. Nel 2006 ha collaborato presso il Centro di Medicina dell’invecchiamento (CEMI), Policlinico Universitario "Agostino Gemelli", ha avuto modo di formarsi approfonditamente circa i vari metodi di valutazione neuropsicologica e nei disturbi di natura psicorganica. Nel 2008 ha collaborato presso il Dipartimento di Psicologia della Sapienza, dove si è occupato di ricerca dei fenomeni psicologici. Casagrande M., Marotta A., Martella D., Sebastiani M., Rosamilia P., Banaj N. (2009) Effetto Simon nello spazio tridimensionale. Nel 2012 ha collaborato presso l'Albo degli Psicologi del Lazio nel progetto PIS. Ha frequentato la scuola SPC di Roma dove ha conseguito il titolo di psicoterapeuta cognitivo-comportamentale. Socio ordinario SITCC (Società Italiana di Terapia Cognitivo Comportale) e socio SIPC (Società Italiana Psicologi Cognitivisti). Svolge la libera professione presso studio privato a Roma e a Pontedera(Pi) in via della misericordia 14.

Emozioni in altalena: il Disturbo Bipolare

A tutti noi capita di avere delle giornate no, in cui ci siamo particolarmente giù di morale, e altre in cui siamo inspiegabilmente di buonumore. Tuttavia, esistono una serie di patologie in cui questi sbalzi d’umore diventano così estremi da interferire seriamente con la vita sociale e lavorativa della persona. Stiamo parlando dei Disturbi [...]
Da |ottobre 22nd, 2014|Psicologia Adulti|Commenti disabilitati su Emozioni in altalena: il Disturbo Bipolare|
  • Permalink Gallery

    “Ma la mamma tornerà a prendermi?” L’ansia da separazione

“Ma la mamma tornerà a prendermi?” L’ansia da separazione

“Nella misura in cui gli attaccamenti alle persone amate sono parte integrante delle nostre vite, lo è anche la possibilità di provare infelicità alla separazione da tali figure e angoscia per la prospettiva di tale separazione”. Così recitava già nel 1973 John Bowlby, psicologo americano e tra i maggiori studiosi esperti della teoria dell’attaccamento, inserendo [...]
Da |settembre 13th, 2014|Psicologia Bambini e Adolescenti|Commenti disabilitati su “Ma la mamma tornerà a prendermi?” L’ansia da separazione|

Quando si diventa schiavi della paura: il Disturbo da Attacchi di Panico

La signora W si trova ad un corso post partum, ad un certo punto riferisce che una serie di esercizi ha provocato un aumento del battito cardiaco ed appena si è resa conto di questo ha pensato: “oddio succederà qualcosa al mio cuore? Durante il parto ho sforzato troppo?”. A questi pensieri riferisce che [...]
Da |giugno 8th, 2014|Psicologia Adulti|Commenti disabilitati su Quando si diventa schiavi della paura: il Disturbo da Attacchi di Panico|

Malattia di Alzheimer: come riconoscerla e come affrontarla

Con il termine demenza si intende una malattia del cervello, una condizione di progressivo deterioramento delle funzioni cerebrali che interferisce con le attività lavorative e sociali del vivere quotidiano. Nel gruppo delle demenze rientrano varie patologie. Tra di queste la Malattia di Alzheimer è la più comune (50-60% dei casi di demenza). Contrariamente a quanto si [...]

Ipocondria e Cybercondria

L’ipocondria può essere definita come la preoccupazione legata alla paura, oppure alla convinzione, di soffrire di una grave malattia nonostante le valutazioni mediche non trovino alcuna causa patologica organica. L’ipocondria deriva da un’interpretazione non realistica o errata di sintomi fisici o di sensazioni, che portano la persona a essere terrorizzata e ossessionata dal fatto di [...]

…vengo subito!

L’eiaculazione precoce è sicuramente uno tra i disturbi sessuali che provoca maggiore disagio tra gli uomini. Il dato interessante è tuttavia che sia molto più diffuso di quanto si pensi: all’incirca il 20-25% della popolazione maschile infatti ne soffre.Cos’è esattamente l’eiaculazione precoce?Si tratta della difficoltà persistente di un uomo di esercitare un controllo volontario [...]

Mio figlio attraversa un periodo nero…

A bambini ed adolescenti può accadere di attraversare periodi di grande difficoltà, in cui si nota una marcata perdita d’interesse e di piacere nelle attività, perfino in quelle che il bambino trovava piacevoli e divertenti ("Non ho voglia di niente"). Si ha un calo della stima di se stessi, un senso svalutazione (“Sono sbagliato”) [...]

Problemi a scuola? Forse è troppo intelligente!

Anche se sembra paradossale, un’intelligenza troppo elevata può essere la causa di problematiche scolastiche. Alcuni bambini (detti "bambini iperdotati" )sono dotati di una capacità di ragionamento superiore alla media, sono incuriositi da moltissime cose, chiedono continuamente spiegazioni e apprendono molto rapidamente. A scuola, i bambini iperdotati sommergono la maestra di domande e si annoiano [...]

La Motivazione allo Sport in Età Evolutiva

Venerdì 9 Novembre 2012 ad Arezzo, presentiamo i risultati di una ricerca volta a capire le ragioni della pratica e dell'abbandono in ambito sportivo, patrocinata da CONI e Provincia di Arezzo. Dopo il saluto del Presidente della Provincia, Roberto Vasai seguiranno gli interventi: "Metodi di intervento della Psicologia dello Sport in Adolescenti e Giovani Adulti" Giulio Vidotto- [...]

Nuove dipendenze: Il gioco d’azzardo

Sono noti oramai da anni i problemi legati alla dipendenza da sostanze come il fumo, l'alcool o droghe. Recentemente, stanno emergendo nuovi tipi di dipendenze come quella da internet o da gioco d'azzardo. Anche se sembra strano che una persona possa diventare dipendente da un comportamento esattamente come si diventa dipendenti da una sostanza, [...]

L’approccio cognitivo comportamentale in età evolutiva

Questo tipo di approccio è ad oggi considerato dalla comunità scientifica internazionale come il più indicato nei problemi psicologici in età evolutiva, poiché quando è stato testato in confronto ad altri tipi di approcci si è rivelato il più efficace.Secondo l’approccio cognitivo comportamentale è importante concentrarsi sui problemi attuali del bambino o del ragazzo, [...]