L'esame neuropsicologico permette di stimare l'efficienza e/o gli eventuali deficit delle aree cerebrali. Attraverso dei test standardizzati è possibile valutare abilità come l'attenzione, la memoria, le abilità visuo-spaziali, il linguaggio, rilevando eventuali deficit cognitivi. Tale metedologia permette di avere informazioni non rilevabili attraverso esami strumentali come TAC o RMN. Inoltre, l'esame neuropsicologico permette di capire quali funzioni necessitano di riabilitazione cognitiva, che permette il recupero di funzioni danneggiate, per esempio a seguito di trauma cranico.

 

ARTICOLI

Malattia di Parkinson: come fronteggiarla

La malattia di Alzheimer

I disturbi psicologici e comportamentali della demenza