Notizie

Tieniti informato

Tutte le news sulla Plusdotazione Cognitiva, Psicologia Adulti, Psicologia Bambini e Adolescenti, Psicologia Forense, Neuropsicologia, Comunicati, Corsi, Curiosità e Laboratori di Mentecomportamento


Il vaginismo rappresenta un’alterazione del normale comportamento sessuale femminile. Si tratta di un problema più diffuso di quanto non si creda, ma spesso è difficile per la donna o per la coppia affrontarlo, per il timore che si tratti di qualcosa di imbarazzante e del quale è meglio non parlare.

 

vaginismo2In cosa consiste il vaginismo?

Il vaginismo è una reazione automatica di contrazione dei muscoli vaginali che rende impossibile la penetrazione, sia durante l’atto sessuale che in altre situazioni (come la visita dal ginecologo o l’inserimento di assorbente interno); talvolta anche il solo pensiero della penetrazione può indurre la contrazione dei muscoli.

È importante ricordare che le donne che soffrono di vaginismo non hanno nessun difetto fisico a differenza di ciò che spesso si pensa ( “la mia vagina è piccola e stretta, è diversa da quella delle altre”; “essendo diversa dalle altre, non è fisicamente possibile che io venga penetrata”) e non sono nemmeno donne frigide o incapaci di amare ( ma anzi sono in grado di provare piacere e raggiungere l’orgasmo).

 

Da cosa riconosco se si tratta di vaginismo?

Nella maggior parte dei casi non si tratta di episodi isolati ma di contrazioni e spasmi muscolari molto ricorrenti e avere un rapporto sessuale diventa praticamente impossibile.

Un altro modo per riconoscere il vaginismo è distinguere il dolore che si prova durante i tentativi di penetrazione da quello dovuto a un’altra malattia: ad esempio se il dolore è causato da un’irritazione o un’infezione dell’organo sessuale (come la candida, la gardnerella o l’herpes) non si tratta di vaginismo e in questi casi è necessario rivolgersi a un medico per risolvere il problema.

Molto spesso il vaginismo non rappresenta solo una reazione fisica ma si accompagna a una vera e propria paura della penetrazione che può far vivere con grande disagio alcune situazioni personali e di coppia.

 

Da dove nasce la paura di essere penetrate?

Ovviamente il vaginismo non è un problema che riguarda tutte le donne, ma la paura o l’ansia della  penetrazione sono fenomeni piuttosto frequenti.

Questa paura nasce quando si associa la penetrazione a uno stimolo spiacevole o doloroso come un’esperienza frustrante, un forte senso di colpa dovuto a convinzioni personali e/o religiose (“non avrei dovuto fare sesso, è peccato”; “è una vergogna aprire le gambe di fronte a un estraneo anche fosse il ginecologo”) o un episodio traumatico (come la perdita della verginità o addirittura un abuso).

 

Conseguenze psicologiche: nonostante il vaginismo non influisca direttamente su molti aspetti della vita quotidiana e non comprometta eccessivamente la salute della persona, può rappresentare un vero e proprio disagio per chi lo vive, e come tale deve essere affrontato. Spesso le donne con vaginismo non conoscono a fondo questo problema e tendono a considerarsi colpevoli e frustrate perchè non riescono a vivere serenamente i propri rapporti sessuali (“è tutta colpa mia”; “che cosa ho che non va?”).

Anche un partner troppo brusco e frettoloso e che trascura le esigenze della propria compagna può incrementare la situazione di malessere associata al momento della penetrazione, rendendolo sempre più difficile da affrontare per la donna.

 

Come faccio a uscirne? Come posso aiutare la mia compagna?

Come appena detto, il sostegno delle persone vicine e specialmente del partner possono rappresentare un importante aiuto per una donna con vaginismo ed è quindi consigliabile adottare un atteggiamento comprensivo e non-colpevolizzante se ci si vuole veramente impegnare per cambiare la situazione.

( “non preoccuparti di questo problema, vedrai che insieme lo risolveremo!”; “non è colpa tua, non sei da sola”; “so che può imbarazzarti parlarne ma se vuoi farlo a me fa piacere”)

Oltre a questi interventi “in piccolo”, ma comunque utili, è importante aiutare la propria partner a rendersi conto di avere un problema, che può essere affrontato e risolto con l’aiuto di uno psicoterapeuta.

 

Quali soluzioni sono disponibili? 

Psicoterapia cognitivo-comportamentale: questa terapia si concentra su alcuni pensieri che una persona può essersi fatta circa il vaginismo e sulla sua paura della penetrazione per aiutarla ad affrontare l’atto sessuale come un momento naturale in cui la vagina riesce ad adattarsi al pene senza problemi, senza viverla più come un evento traumatico. Esistono esercizi (anche in varianti più “giocose” e creative) in cui si insegna alla persona a familiarizzare poco alla volta con la penetrazione tramite un training iniziale per imparare a rilassarsi sia a livello generale che nello specifico a livello di muscolatura vaginale, poi si aiuta la persona ad affrontare la penetrazione vera e propria attraverso un’esposizione graduale. È molto importante che in questi passaggi vengano rispettati i tempi e le esigenze della donna, è un processo che non va forzato ma in cui va lasciato pieno controllo alla donna che deve sentirsi in grado di padroneggiare ogni piccolo passo avanti che è riuscita a fare.

 

Psicoterapia di coppia: qualora nella coppia fossero presenti delle difficoltà, queste potrebbero non solo costituire la causa del vaginismo ma potrebbero diventare anche un ostacolo al superamento del problema. È importante perciò che, oltre a concentrarsi sul problema dal punto di vista sessuale, anche la relazione venga affrontata per superare eventuali difficoltàdi coppia.



  

Mentecomportamento cerca nuovi soci per allargare la sua rete nelle seguenti regioni: Marche, Lazio, Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia.

Si richiede:

  • che lo psicologo eserciti la libera professione e abbia a disposizione uno studio;
  • che aderisca all’orientamento cognitivo-comportamentale;
  • che sia specializzato o specializzando in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale.

Se interessati inviare una mail, allegando il proprio CV, all’indirizzo mentecomportamento[chiocciola]gmail.com, indicando come oggetto “Collaborazione”.

Per maggiori informazioni sull’associazione consulta le nostre Mission e Vision.

mentecomportamento



Corso di gruppo per genitori

Potrebbe interessarti: Gruppo per genitori di bambini

L’adolescenza rappresenta un periodo di grande cambiamento da più punti di vista: fisico, psicologico e sociale. Di fronte adgruppo genitori adolescenti mestre venezia un cambiamento, sia esso positivo che negativo, viene richiesta al ragazzo la capacità di riadattarsi ad una situazione nuova. Analogamente, anche ai genitori è richiesto lo sforzo di creare un nuovo equilibrio e adeguarsi ai nuovi bisogni del figlio. Al fine di aiutare i genitori ad affrontare un periodo particolarmente complesso, si propone una serie di incontri atti a sviluppare conoscenza, abilità e competenza relative ai principali temi che riguardano questa particolare fase dello sviluppo.

Obiettivi del corso:  Il corso si propone di dare ai genitori delle indicazioni e delle strategie spendibili nella pratica quotidiana, che permettano di migliorare: la relazione genitore-figlio; la gestione degli aspetti scolastici; e relazionale con i coetanei. Il corso fornirà l’occasione per confrontarsi con altri genitori che vivono difficoltà analoghe. 

Temi degli incontri:

  1. Introduzione al corso e discussione dei temi che verranno affrontati

  2. Comunicazione

  3. Gestione delle emozioni

  4. Aumentare la motivazione

  5. Possibili rischi legati all’adolescenza

  6. Relazioni sociali e definizione dell’identità

  7. Valori, Tradizioni e Unicità

  8. Essere genitori 

gruppo genitori adolescenti mestre veneziaCome si svolge il corsoIl corso si articola in 8 incontri, della durata di 1 ora e mezza ciascuno, in cui si affronteranno le principali tematiche relative all’educazione e alla gestione dei figli in età adolescenziale. 

Durata8 incontri di 1 ora e mezza circa.

PartecipantiGenitori di ragazzi di età compresa fra gli 11 e 18 anni, per un minimo di 3 fino ad un massimo di 8 coppie di genitori. L’attivazione del corso è subordinata al raggiungimento del numero minimo. 

Quando: Il corso si svolge il ogni due martedì del mese, la sera dalle ore 21:00 alle ore 22:30, nella seguenti date: 10 e 24 Febbraio; 10 e 24 Marzo; 7 e 21 Aprile; 5 e 19 Maggio.

DoveA Zelarino (Mestre), in via Castellana 121. 

 

Iscriversi: Per iscriversi inviare una e-mail a francescogallimberti@libero.it oppure chiamare il dr. Francesco Gallimberti al 340 3274484.

Costo e Modalità di PagamentoE’ richiesta entro l’iscrizione entro il corso entro il 31 Gennaio 2015, ed il versamento di un acconto di 30 € tramite bonifico (IBAN: IT09K0622512156100000002179; Causale: Corso Zelarino) e il saldo al momento dell’inizio del corso di  dei rimanenti 130 € (Costo totale: 160 €). Il costo è inteso per ogni coppia genitoriale, indipendentemente dal fatto che partecipino entrambi i genitori o solo uno.

Per maggiori informazioni: Dott. Francesco Gallimberti   340 3274484 (Per maggiori informazioni sul dr. Francesco Gallimberti clicca qui).

 

 

 


Mentecomportamento



© 2019 Mentecomportamento | All rights reserved



Copyright by Mentecomportamento 2019. All rights reserved.