Non alziamo le mani: corso teorico-pratico sulla gestione dei conflitti

work_place_conflict.jpg

Corso di formazione per insegnanti, pagabile con Carta del Docente.

Perché abbiamo bisogno di evitare i conflitti

Docenti e dirigenti scolastici si interfacciano regolarmente con i genitori dei loro alunni. La letteratura ha mostrato come relazioni positive fra scuola e famiglia siano associate a voti più elevati, una maggiore frequenza scolastica ed un miglior adattamento sia sociale sia scolastico (Henderson & Mapp, 2002). Inoltre, le relazioni positive fra scuola e famiglia migliorano il clima scolastico, gli sforzi dei genitori nonché supportano il lavoro dei docenti (Epstein, 2011).

Collaborazione scuola e famiglia

A dispetto di tutti i benefici che può portare una collaborazione fra scuola e famiglia, il raggiungimento di questa condizione rimane una sfida. Da una parte, la scuola auspica che le famiglie supportino i loro metodi didattici e, dall’altra, i genitori desiderano che la scuola risponda ai bisogni del proprio figlio. Troppo spesso né i genitori né gli insegnanti riescono ad essere pienamente collaborativi trovando i modi migliori per massimizzare l’esperienza educativa e didattica dei loro studenti (Auerbach, 2012; Christenson, 2004; Wanat, 2010). Più specificamente, punti di vista diversi su un bambino o sui suoi bisogni sono fra i fattori che possono innescare e aumentare il conflitto fra genitori e insegnanti (Lake & Billingsley, 2000) e che impattano negativamente sul coinvolgimento dei genitori nei programmi scolastici (Patel & Stevens, 2010). In queste situazioni, sia i genitori sia gli insegnanti sono sinceramente convinti di agire al meglio per i loro figli/studenti, ma nonostante ciò le percezioni e le aspettative sul bambino possono variare notevolmente. Questa situazione richiede una capacità da parte dei docenti di gestire e ridurre i conflitti, creando un clima realmente collaborativo fra scuola e famiglia (Lake & Billingsley, 2000).

Gestire il conflitto

Sono varie le modalità di risoluzione del conflitto e queste considerano varie posizioni che possono essere prese da ogni parte coinvolta considerando sia l’interesse per i propri esiti sia per gli esiti dell’altra parte: in base alla combinazione di queste due variabili è possibile mantenere un atteggiamento di competizione, di inazione o accomodante che non permettono a una delle parti di raggiungere i propri obbiettivi mantenendo il contrasto oppure si può arrivare a un compromesso o a un’integrazione ottimale degli obbiettivi di ciascuno portando a entrambe le parti un vantaggio (Pruit, Rubin & Kim, 1994). Infatti, nel momento in cui c’è un disaccordo e un contrasto tra obiettivi, non è necessariamente vero che solo una delle due parti otterrà il proprio vantaggio sull’altra tramite la competizione ma è possibile che entrambe le parti ottengano un vantaggio sacrificando delle posizioni meno importanti (modalità win-win).


  • Cosa possono imparare con questo corso?
  • Il corso è solo teorico?
  • Quanto dura il corso?
  • Verranno forniti dei materiali durante il corso?
  • A chi è rivolto il corso?
  • Dove si tiene il corso?
  • Chi sono i docenti del corso?
  • Quanto costa il corso?
  • Verrà rilasciato un attestato alla fine del corso?
Cosa possono imparare con questo corso?

Il corso di formazione permetterà ad ogni insegnante di:

  • Comprendere le divergenze, gli obiettivi e gli interessi prima che si origini il conflitto;
  • Conoscere le dinamiche delle situazioni conflittuali;
  • Applicare le strategie di negoziazione integrativa;
  • Applicare le strategie di negoziazione distributiva;
  • Gestire i rapporti nonostante il conflitto;
  • Best practice per la gestione dei conflitti;
Il corso è solo teorico?

La formazione prevede che ogni lezione contenga una parte teorica ed un’immediata esercitazione su quanto appreso. Le esercitazioni prevedono:

  • Casi reali- Verranno presentati dei casi reali che permettono di confrontarsi su conflitti realmente avvenuti
  • Esercitazioni sugli incontri- Saranno proposte varie esercitazioni su come prepararsi agli incontri potenzialmente conflittuali
  • Simulazioni– Verranno simulate alcuni colloqui conflittuali con i genitori per applicare le strategie apprese
Quanto dura il corso?

Il corso di formazione ha una durata di 20 ore, suddivise come indicato di seguito.

Prima Giornata

  • La natura dei conflitti
  • Caratteristiche delle situazioni conflittuali
  • Come gestire efficacemente un conflitto
  • Fonti di potere basate sulle informazioni

Seconda Giornata

  • La negoziazione distributiva
  • Gli elementi della negoziazione distribuitiva
  • L’analisi della controparte
  • Posizioni e offerte
  • Tecniche hardball
  • Cosa fare quando l’altra parte non è trasparente
  • Esercitazioni e simulazioni

Terza Giornata

  • La negoziazione integrativa
  • Fasi fondamentali del processo di negoziazione integrativa
  • Fattori che agevolano il buon esito della negoziazione
  • Esercitazioni e simulazioni

Quarta Giornata

  • Percezioni ed emozioni nel conflitto
  • La relazione fra le parti in conflitto
  • Reputazione
  • Fiducia
  • Equità
  • Sanare una relazione
Verranno forniti dei materiali durante il corso?

Durante il corso verranno illustrati e forniti i seguenti materiali:

  • Dispense
  • Esempi di esercitazioni
A chi è rivolto il corso?

I destinatari del corso sono:

  • Docenti della scuola primaria
  • Docenti della scuola secondaria di primo grado
  • Docenti della scuola secondaria di secondo grado

Il corso è aperto anche ai docenti non ancora di ruolo, per cui è previsto uno sconto.

Dove si tiene il corso?

A scelta del partecipante, il corso può essere seguito online oppure in presenza.

Online: Il corso può essere seguite online attraverso la piattaforma Google Meet

In presenza: Mentecomportamento, Via della Provvidenza 43/D a Rubano (PD).

Chi sono i docenti del corso?
Responsabile del Corso:
  • Federico Tubaldi
Docenti:
Quanto costa il corso?
  • Insegnanti di ruolo: Il corso è accreditato presso la Regione Veneto pertanto i docenti (Scuola Primaria e Secondaria) che lavorano in Veneto possono pagare con Carta del Docente il costo di 200€.
  • Insegnanti NON di ruolo: L’accesso al corso è consentito anche a coloro che non sono in possesso di Carta del Docente, con uno sconto del 20%, 180€. (Mentecomportamento Formazione ETS; IBAN: IT 22XXXXXXXXX; Causale: Plusdotazione formazione insegnanti- Nome e Cognome).
  • Laureati dopo il 2015: L’accesso al corso è consentito anche a coloro che non sono in possesso di Carta del Docente, con uno sconto del 20%, 180€. (Mentecomportamento Formazione ETS; IBAN: IT 2XXXXXXXXX; Causale: Plusdotazione formazione insegnanti- Nome e Cognome).
Verrà rilasciato un attestato alla fine del corso?

Al termine del corso, sarà scaricabile dalla PIATTAFORMA SOFIA l’attestato di frequenza. Per i docenti  che NON possiedono la carta del docente oppure per i neolaureati verrà rilasciato un attestato di frequenza da Mentecomportamento Formazione ETS.


Modalità di pagamento:

Contatti telefonici:

Per chi desidera maggiori informazioni è possibile contattare i seguenti numeri:

  • Dr. Federico Tubaldi, Ph.D.- XXXXXXXXXXXX

Iscrizione:

Per aderire è sufficiente compilare il form qui sotto. La richiesta non è vincolante e verrà confermata solo in seguito alla nostra approvazione di disponibilità (telefonicamente o via email).



Cognome e Nome

Cellulare

Email

Scuola di afferenza

In quale regione lavora

Corso scelto

Modalità scelta

Messaggio



© 2019-20 Mentecomportamento. All rights reserved.



© 2019-20 Mentecomportamento. All rights reserved.